How to// Create your style

Negli ultimi anni ho cambiato il mio stile personale infinite volte. E come poteva non essere così, con tutti gli stimoli che vengono dal mondo esterno è difficile “scegliere” a che stile appartenere. Ogni cosa mi condizionava. Dalla televisione e le mie serie tv preferite, riviste e un po’ più avanti sono arrivati anche i blog di moda e pinterest. Ma non erano solo gli imput virtuali a condizionare il mio gusto; spesso anche le persone che conoscevo nella mia vita reale diventavamo dei modelli da imitare. E il risultato qual’era? Se da un lato compravo capi d’abbigliamento, accessori e via discorrendo completamente slegati tra loro, frutto di un’influenza momentanea, dall’altro ne risentivo anche dal lato psicologico, non trovando appartenenza in ciò che indossavo. Il mio stile d’abbigliamento, se così lo vogliamo chiamare, era diventato un continuo evolversi, un continuo cambiamento, che a poco mi è servito a capire come quale fosse lo “stile” a cui più sentivo appartenere.unspecified-6
Finalmente un giorno, stanca di avere l’armadio pieno di indumenti completamente incompatibili tra loro e che il più delle volte non mettevo, mi sono impuntata dedicendo di non mollare fintanto che non avessi trovato il mio stile. Quello che ho, diciamo intrapreso, è stata una sorta di percorso, ed è proprio di questo che vi voglio parlare oggi: dei vari step pratici che mi hanno portato ad avere un mio stile ben definito.
Sicuramente non è un percorso velocissimo, e neanche immediato, ma vi assicuro che ne vale davvero la pena, anche perché porta ad avere una maggiore conoscenza della propria persona e una maggiore sicurezza di sé. Senza contare che anche lo shopping diventa più mirato e quindi difficilmente si vanno a comprare cose di cui ci si stufa in poco tempo.
· ANALISI. Analizzare, è in assoluto la prima cosa da fare. Partendo dallo studio della forma del corpo , per continuare con lo studio dei propri colori (carnagione, colore degli occhi e dei capelli) e della forma del viso finendo con l’andare a capire quali sono per noi, in base a quello che facciamo nella vita, le occasioni d’uso più adatte.unspecified-4
· RECETTIVITÀ. Come ho già detto, al giorno d’oggi abbiamo infinite fonti da cui trarre ispirazione. Ma proprio per questo bisogna selezionare e focalizzare la nostra attenzione sulle cose che piacciono veramente. Un modo per tenerle poi a mente e far sì che non finiscano nel dimenticatoio è quello di creare delle raccolte. Ci sono vari modi per catalogare le vostre immagini preferite, quello che a me personalmente piacere fare è salvare su pinterest tutte le immagini che trovo su internet che mi piacciono; e ritagliare dai giornali gli outfit o gli accessori che hanno catturato la mia attenzione per poi raccoglierli sul mio “fashion book”. Un’altra cosa che spesso faccio è di andare a vedere tutti gli outfit possibili e immaginabili delle icone di stile che preferisco. Una volta che poi avrete raccolto materiale a sufficienza potete cominciare a analizzare e vedere qual è il filo conduttore che unisce la vostra selezione.unspecified-2unspecified-8
· CREAZIONE DEL LOOK: è finalmente giunta l’ora di mettersi all’opera! Quello che io ho fatto per cominciare, è stato ricreare gli outfit che più mi piacevano tra le immagini che avevo selezionato, cercando dei capi simili tra quelli che possedevo già. Questa fase consente di riutilizzare i vostri indumenti in modi a cui magari non avevate mai pensato prima! Dopo averci preso un po’ la mano ed aver stilato una lista degli indumenti che vi mancano per continuare a creare il vostro nuovo stile, potete cominciare con lo shopping. Il mio consiglio è sempre quello di investire sulla qualità e sui materiali. Focalizzatevi prima di tutto sui “capi base”, ovvero quegli indumenti che sono un “pass-par-tu”, e che avete la certezza vi possano venire utili in più occasioni. Prima di acquistare però chiedetevi sempre se quello che state comprando è coerente con il vostro stile e se “si sposa” con il resto del vostro guardaroba!unspecified-7
· CREAZIONE DELLA PROPRIA IMMAGINE: non è necessario che questa fase sia direttamente consequenziale alla creazione del look. Potete decidere di inserirla sia prima, che dopo, e perché no, anche durante. In cosa consiste esattamente? Se avrete fatto un buon lavoro con l’analisi, avrete le idee molto più chiare riguardo ai colori che più vi donano, al taglio che più vi fa risaltare il viso. In questa fase dovrete osare, magari tagliando i capelli, provando un nuovo make-up, dei nuovi rossetti! Nuovi colori di smalto e nuovi accessori! Io, ad esempio, ho tagliato i capelli e ho anche cambiato molto il mio trucco: da che prima facevo un trucco abbastanza pesante, con tanto di ombretto e matita nella rima interna dell’occhio, sono passata a mettere linea di eyeliner bella decisa e rossetto rosso acceso!unspecified-5unspecified-3· RICERCA DI DETTAGLI: questa è la parte finale, e presuppone che abbiamo già praticamente ultimato il vostro stile. Secondo me, la ciliegina sulla torta sta nel trovare quei dettagli che rendono il vostro look unico e personale! Fare di un qualche oggetto, accessorio, l’emblema del vostro stile! Per farvi qualche esempio, pensate ad Anne Withur, il suo “marchio di fabbrica” è il suo taglio di capelli: caschetto con frangia che lei porta da anni senza mai variarlo di una virgola. Oppure al personaggio di Blaire Waldorf, che non esce mai di casa senza indossare un cerchietto! Qualunque cosa puoò diventare il vostro segno distintivo: potrebbe essere il fatto di indossare sempre sciarpa o foulart, potrebbe essere un paio di occhiali da sole, gli stessi gioielli, una borsa! L’importante è trovare un qualcosa che completi il vostro look!

FacebookTwitterGoogle+PinterestTumblrCondividi